BENVENUTI!

BLOG DEDICATO AI CULTORI DI STORIA DELLA MEDICINA



Traduttore

STORIA DELLA MEDICINA

venerdì 12 marzo 2010

I SANTUARI DELLA SALUTE

I più importanti sorsero a Epidauro, Cos, Pergamo, Atene, Tricca, Lebene.
Erano ubicati in luoghi ameni, esposti a mezzogiorno, in prossimità di boschi e sorgenti di acque termali per la purificazione. Era sempre presente un teatro e una Tholos (edificio circolare circondato da colonne) per l’allevamento dei serpenti. Nei santuari operavano medici e sacerdoti.
I pazienti dovevano compiere un rito di purificazione prima di essere ammessi all’interno del tempio. Durante la notte i sacerdoti spegnevano le lampade sacre e al buio, vestiti di bianco con calzari purpurei ed il capo coronato d’ulivo, si aggiravano tra i malati con passi lenti, recitando preghiere ed invocazioni ad Apollo ed Asclepio.
Gli infermi si addormentavano, sotto l’influsso di bevande ipnoinducenti, stremati dal digiuno e dalla lunga attesa.
Il malato, per effetto della suggestione e delle sostanze allucinogene, vedeva la divinità che impartiva consigli terapeutici e praticava guarigioni
I serpenti sacri (non velenosi) venivano liberati tra i dormienti; spesso si attorcigliavano agli arti, strisciavano in prossimità dell’addome o del torace, lambivano le ferite.
I malati gravi, i moribondi o le gravide non venivano accettati per non contaminare il luogo sacro

MEDICINA E LETTERATURA

giovedì 11 marzo 2010

LA PREGHIERA DEL MEDICO

LA PREGHIERA DEL MEDICO

Mosé Ben Maimoun (Maimonide - 1135/1204)

Signore, fa che la mia mente sia sempre limpida e illuminata al letto del paziente, fa che nessun pensiero estraneo mi distragga.

L'erudizione e l'esperienza mi siano sempre di guida e il mio lavoro sia sempre sereno.

Perché grandi e nobili sono queste conoscenze scientifiche, volte a mantenere la salute e la vita delle Tue creature.

Allontana da me il preconcetto ch'io possa sapere ogni cosa. Dammi la forza, la voglia e l'opportunità di ampliare sempre questo mio sapere.

Oggi posso scoprire cose che ieri non avrei nemmeno sospettato perché l'arte è grande e la mente umana non si stanca di apprendere.

Fa sì che nel paziente veda solo l'uomo. Tu, o Generoso, hai scelto me per vegliare sulla vita e sulla morte delle Tue creature.

Ora mi appresto alla mia visita.

Stammi vicino in questo arduo compito sì che possa riuscire bene. Perché senza il Tuo aiuto l'uomo non riesce nemmeno nelle piccole cose.

MEDICINA NELL'ANTICA GRECIA

La medicina greca rappresenta il punto di arrivo di esperienze di antiche civiltà come l’assiro babilonese, l’ebraica, l’indiana, l’egiziana.

Ma l’aspetto fondamentale è che la medicina greca segna il passaggio dalla medicina teurgica (le malattie sono inviate sotto forma di demoni dagli dei per colpire l’uomo e il medico-sacerdote è un intermediario) alla medicina intesa come scienza (il medico formula una diagnosi e propone una terapia).
La medicina greca può essere suddivisa in un periodo arcaico (antiche civiltà pre-elleniche, cicladica e minoico-micena), un periodo greco propriamente detto (nascita della filosofia e della scienza con i filosofi pre-socratici e nascita della medicina con Ippocrate di Cos nel V sec. a.C.), un periodo ellenistico.

mercoledì 3 marzo 2010

Lascia un commento o un suggerimento